Psicologia – Difesa – Tattica

La psicologia è la scienza che studia il comportamento degli individui e i loro processi mentali. Tale studio riguarda le dinamiche interne dell’individuo, i rapporti che intercorrono tra quest’ultimo e l’ambiente, il comportamento umano ed i processi mentali che intercorrono tra gli stimoli sensoriali e le relative risposte.

Noi di Difesa Sicura siamo supportati da Psicologi che collaborano e interagiscono alla soluzione rapida e efficace di un metodo di difesa personale sempre in costante mutamento al fine di migliorare le capacità di insegnamento e di apprendimento. 

La difesa (non devo pensare ma agire per Riflessi). Se mentre si subisce un attacco si pensa alla difesa questa sarà evidente, mentre se ci si difende ma la focalizzazione mentale è sul contrattacco, la parata risulterà più veloce.

La paura fa fare un ottima difesa (stress)

E’ molto pericoloso avere una “falsa” sicurezza non reale. E’ sempre meglio rendersi conto di non saper reagire ad un attacco e scappare, piuttosto che essere convinti di saper fare e non farcela.

La tattica. In una situazione di difesa con più persone che attaccano, si deve attaccare sempre il più vicino e una volta colpito non accanirsi su di esso ma controllare anche gli altri. L’accanimento sul primo una volta a terra potrebbe rivelarsi molto pericoloso in quanto la focalizzazione su una sola persona non vi permette di controllare le altre.

E’ importante, dopo la difesa, identificare immediatamente la via di fuga più facile. Allenare la vista a 180 gradi è molto utile, in modo che sia possibile controllare gli avversari contemporaneamente su più lati.

PUNTI SENSIBILI

A differenza di altri sistemi o arti marziali nel Krav Maga non si parla di punti vitali ma sensibili, dividendoli in tre categorie (gradi) :

  • I grado: In questi punti del corpo si possono creare danni irreversibili. (occhi, pomo d’Adamo, fossetta della gola, plesso solare, tempia, orecchio, parte laterale del collo, cervelletto, atlante 1° vertebra cervicale)
  • II grado: In questi punti del corpo si possono creare rotture ossee, tendinee, muscolari. (fronte, arcata sopraciliare, naso – parte superiore ossea, denti, mento mandibola, osso sacro,  ginocchia, dita, coste, fegato , reni, tendine d’Achille)
  • III grado: In questi punti del corpo si possono creare traumi e dolori meno pericolosi. (naso – punta cartilaginea, labbro superiore, genitali, quadricipite, tibiale)

Allenamento coi colpitori

I colpitori vengono colpiti in 5 parti differenti. Nel lavoro con i colpitori, scudi, pao, lo scopo è quello di allenare il corpo e la mente a colpire in più modi e da varie angolazioni.

Il lavoro con questi attrezzi è estremamente importante e indispensabile. Una cosa importante è stabilire i vari obbiettivi da raggiungere e vanno conquistati uno alla volta in ordine crescente senza mai saltarne uno. Il primo obbiettivo sarà quello di studiare le giuste posture del corpo e i corretti modi di colpire.

Lascia un commento